Le lingue minoritarie: il caso del Friuli-Venezia Giulia

Durante le ore di geografia, quest’anno i bambini di quinta avranno la possibilità di approfondire l’Italia e il suo territorio, suddiviso per regioni. Data la ricchezza linguistica del nostro paese, si è pensato di fornire una lente d’ingrandimento partendo proprio dalla nostra regione. Gli studenti, già dalla scorsa settimana, hanno iniziato a prendere coscienza del patrimonio linguistico del Friuli – Venezia Giulia attraverso grafici, mappe e appunti forniti dall’insegnante. Inoltre, è stata un’occasione per affrontare alcuni temi sociolinguistici, come la differenza tra lingua e dialetto, e arricchire la terminologia specifica in questo ambito così tecnico e dettagliato. La risposta da parte degli alunni si sta rivelando positiva e il clima di lavoro è costruttivo. Come inizio, niente male!

Paola Bazan Insegnante di Italiano